Info sul rezzaglio

Cosa sapere prima di acquistare un rezzaglio:

Prima di acquistare un rezzaglio leggete quanto segue, queste reti non sono tutte uguali e vanno scelte con criterio......

Il criterio di chi ha esperienza nel settore e non quello dei negozianti che hanno tutto l'interesse a vendere, spesso, una rete non ben costruita, non bilanciata e che neanche un professionista riuscirà ad aprire perfettamente proprio perchè mal concepita!

Oltre a spendere i vostri soldi, rischierete dopo i lanci, nonostante la vostra tecnica sia perfetta, a non far aprire il rezzaglio al meglio, imputando ciò alla vostra incapacità tecnica e non al rezzaglio che avete acquistato.

Anche un rezzaglio ben equilibrato e che si apra perfettamente al lancio anche di non esperti,  non è detto che sia resistente o utile al tipo di pesca che volete fare.

I piombi di chiusura, la loro disposizione, il peso, il tipo di maglia e cordino utilizzato, i nodi di assemblaggio fanno il complesso di un buon rezzaglio che deve soddisfare tutte queste priorità.

Rapporto peso piombi con maglia rete idoneo

Rapporto peso piombi, maglia rete  con diametro totale

L'equilibratura dei piombi e della rete devono permettere un'apertura completa del rezzaglio con un minino di sforzo anche con la tecnica più semplice.

La disposizione, la forma e l'assemblaggio dei piombi deve essere tale che questi non si vadano ad incastrarsi nella rete sia durante il lancio che durante la fase di recupero, particolarmente quando il mare è mosso.

Rezzagli che rispettano queste condizioni sono costruiti a mano e non a macchina, gli artigiani pescatori con la loro esperienza e sentendo le richieste di chi esercita la pesca con il rezzaglio, modificano continuamente il loro lavoro, ottenendo delle reti sempre più idonee allo scopo e a volte molto personalizzate.

Se avete bisogno di un rezzaglio che si rispetti, conosco uno di questi artigiani, se volete acquistarne uno

contattatemi!

Comunque:

Per chi è alle prime armi e vuole cimentarsi in questa nuova avventura, prima di acquistare il necessario deve sapere che tipo di pesca intende fare e rispondere ad alcune domande:

1) Il rezzaglio è per prendere pesci piccoli, medi o grandi?

2)Il rezzaglio di naylon o di cordino?

Di cordino, oltre ad essere molto più visibile ai pesci,  una volta bagnato pesa molto di più e si avrà più difficoltà nel lancio per contro la rete in cordino "insacca" meglio il pesce appena gli cala sopra.

Il naylon è meno resistente ma è meno visibile sia quando il rezzaglio è in aria che nel momento in cui affonda, supporta benissimo le sollecitazioni dei lanci e delle trazioni; 

3)In base ai pesci che vorrai cacciare dovrai decidere la grandezza della sacca di contenimento degli stessi, più è grande la sacca maggiori saranno le difficoltà per fare tiri lunghi, per contro la sacca grande accoglie meglio il pesce, specialmente i branchi, evitando che questi alzino la rete nel tentativo di fuggire, solitamente sacche grandi si usano per insidiare pesci di branco come le salpe, un rezzaglio con sacca meno accentuata è più aereodinamico e quindi veloce e meno d'impatto con l'aria, pertanto più idoneo a tiri lunghi e improvvisi, da classica caccietta a vista, per cefali ecc ecc.

4)Il diametro e la lunghezza del corda di trazione?

La corda del rezzaglio deve essere lunga in relazione alla distanza che riuscirai man mano a lanciare, anche se spesso i pesci sono proprio sotto i nostri piedi, un lancio lungo può essere determinante per catturare pesci in fuga, oppure per insidiarli sempre sotto lo scalino del bagnasciuga ma a distanza dalla nostra posizione, quindi a dx o sx oppure diritto ma lontani dall' acqua, ricorda che i pesci ci sentono......

Il diametro del rezzaglio non deve essere eccessivo, mai sopra i 16 metri come previsto dalla legge vigente, il cordino non deve essere  troppo piccolo per non tagliarci le mani nella fase di recupero, ne eccessivamente grande perchè opporrebbe troppa resistenza all' aria e sarebbe un ulteriore peso da lanciare!

Accessori:

Acquistare aghi per ricondizionare le lacerazioni del rezzaglio.

Difficilmente il rezzaglio si rompe ma a volte si provocano delle lacerazioni nella rete a causa della cattura di pesci molto grandi, veloci o con denti a cesoia come il pesce serra.

A volte capita anche il rezzaglio possa lacerarsi perchè si incastra in acqua con dei rami o rocce taglienti.

Bisogna quindi provvedere alla riparazione delle maglie sul posto per poter continuare la ricerca.

Bisogna quindi avere degli aghi di varie misure se abbiamo rezzagli di varie dimensioni e del filo idoneo per le cuciture d'emergenza.

Acquistare stivali ascellari, giacca e cappello,  per i periodi invernali

D'inverno, a primavera, di notte o all'alba, con la brezza marina lanciare una rete appena tirata fuori dall'acqua significa bagnarsi come un pulcino e morire di freddo!

Se d'estate la cosa può essere piacevole, d'inverno o in momenti freddi della giornata,  non lo è sicuramente!

I stivali devono essere quelli alti con bretelle di regolazione, la giacca sempre impermeabile e un piccolo cappello.

Preferite colori mimetici e non quelli sgargianti!

 

Quelli in neoprene sono utili quando il mare è molto mosso o vogliamo inoltrarci in mare ove l'acqua è alta, che inevitabilmente ci riempirebbe gli stivali,  per raggiungere le secche in questi casi la muta di neoprene è ottima!

La giacca oltre ad essere impermeabile non deve, come il resto dell'abbigliamento, avere appigli come bottoni

cerniere ecc, ricordiamoci che la rete deve scorrere e non incastrarsi nella fase di lancio

Il cappello, oltre a coprirci il capo, proteggerci da sole o dal vento diretto deve renderci anche più mitizzabili.

 

Occhiali per il rezzaglio

Durante la pesca con il rezzaglio possiamo fare dei lanci al buio (alla cieca) nella speranza che la fortuna ci assista,   oppure dei lanci mirati, ove vediamo segni di vita! :)

Purtroppo spesso con la rifrazione sull'acqua della luce solare i nostri occhi non vedono molto anzi spesso si stancano per i riverberi accecanti, in particolare modo quando il sole tramonta (mare tirreno) oppure all'alba per quelli che sono sul mare Adriatico.

Ci sono occhiali di varie gradazioni, questi sono polarizzati e le rifrazioni vengono attenuate o addirittura eliminate.

In pratica oltre non essere abbagliati dai riverberi, avrai modo di vedere meglio sotto il pelo dell'acqua, quindi il fondo e anche le potenziali prede.

Questi occhiali sono di varie gradazioni, la migliore è la due e la tre!

 

La due si usa quando abbiamo il sole alle spalle e il mare di fronte, la tre quando il sole è davanti a noi e ci "spara" riflettendosi sul pelo dell'acqua.

Avere questi occhiali inforcati, a parità di condizioni,  abbiamo una marcia in più rispetto a chi non li ha!

Il loro costo non è eccessivo

Se quando Vai al mare con la famiglia, non ti piace fare il lucertolone al sole,  ma sei come un  geco, muro muro, ombra ombra :) e il tempo non ti passa mai,  per non annoiarti, questa passione secondaria è fruttuosa e divertente, mettiti alla prova e....aspetto le foto dei tuoi bottini!